Tu sei qui

WebGIS Cave

Con l’entrata in vigore della Legge regionale 12 dicembre 2017, n.34 (“Integrazioni alla legge regionale 5 dicembre 2008, n.31 (Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale). Norme per la mitigazione degli effetti delle crisi idriche nel settore agricolo, per la difesa idrogeologica e per la riqualificazione territoriale”) viene introdotta la possibilità di utilizzare le cave dismesse o comunque non più utilizzate come bacino di accumulo di acque meteoriche o di laminazione delle piene. In particolare l’art. 91 quater stabilisce che la Giunta regionale, dopo aver definito le aree dei Comprensori di bonifica e irrigazione nelle quali è necessario integrare la risorsa idrica, individua gli ambiti già previsti nei vigenti piani provinciali delle cave, nonché le cave esaurite, dismesse o abbandonate non ricomprese nei piani provinciali delle cave e non già recuperate, potenzialmente idonei alla realizzazione di bacini idrici per l’accumulo di acque meteoriche o di acque di laminazione delle piene, da destinare all’uso irriguo o alla difesa idrogeologica anche mediante la realizzazione di idonei collegamenti idraulici alla rete scolante naturale”.

Regione Lombardia si è avvalsa del supporto tecnico-specialistico di ANBI Lombardia per l’individuazione delle aree nelle quali è necessario integrare la risorsa idrica per l’irrigazione e/o laminare le piene dei corsi d’acqua e delle cave potenzialmente idonee a tali scopi.

La definizione delle aree a frequente scarsità idrica è stata effettuata basandosi sulle evidenze dei Piani comprensoriali di bonifica, irrigazione e territorio rurale e sulle segnalazioni giunte all’Osservatorio permanente per gli utilizzi idrici nel distretto idrografico del fiume Po da parte dei Consorzi di bonifica. All’interno e nelle vicinanze di queste aree è dunque necessario individuare le cave maggiormente idonee alla riconversione.

Le aree in cui sono necessari interventi di difesa idrogeologica sono state, invece, individuate a partire dai dati disponibili nel Piano di Gestione Rischio Alluvioni del Distretto idrografico del Po (PGRA-PO 2015). Il Piano individua le aree potenzialmente interessate da eventi alluvionali con diversi livelli di pericolosità e per quattro diversi ambiti territoriali. Tali dati sono stati ripresi e in alcuni casi aggiornati dai Consorzi di bonifica che li hanno resi disponibili all’interno dei rispettivi Piani comprensoriali di bonifica.

L’insieme delle aree a frequente scarsità idrica e delle aree a rischio alluvioni corrisponde ai territori dove si è focalizzata prioritariamente la ricerca di cave idonee per la raccolta e lo stoccaggio delle acque meteoriche o di laminazione.

In questa mappa interattiva vengono presentate le cave dismesse e ancora in attività individuate nello studio condotto da ANBI Lombardia.

LEGENDA:

Cave dismesse prioritarie per la conversione (n°18)
Cave dismesse di interesse generale (n°52)
Cave attive di interesse per una futura conversione (n°54)
  Aree a frequente scarsità idrica
  Aree ad elevata pericolosità di alluvione per il Reticolo Principale
  Aree ad elevata pericolosità di alluvione per il Reticolo Secondario di Pianura

 

WebGIS Cave

 La mappa non viene correttamente visualizzata con il browser Internet Explorer. Si consiglia l'utilizzo di Chrome, Firefox, Edge o Safari.

Indietro

STATO QUANTITATIVO DEI CORPI IDRICI

Avanti

Secondo quanto previsto dal bando, l’investimento dovrà consentire un risparmio idrico potenziale pari almeno al 25%.

La procedura guidata consente di conoscere, sulla base dei dati a disposizione dei Regione Lombardia, lo stato quantitativo del/i corpo/i idrico/i fonte di acqua per l'irrigazione dei terreni oggetto dell'investimento. Al termine della procedura sarà possibile stampare un REPORT che dovrà essere allegato alla domanda di finanziamento.

N.B. Per ogni singola relazione FONTE - RELATIVI TERRENI IRRIGATI NEL MEDESIMO COMUNE è necessario effettuare la procedura guidata e stampare il relativo report.

Per iniziare la procedura selezionare nel menu a tendina sottostante la tipologia di approvvigionamento fra le seguenti:


Selezionare la modalità di approvvigionamento irriguo:
Provincia in cui si trova la captazione: